Image
Maria Pia Buracchini

La Comunicazione efficace

16 Gennaio, 2021  |  Comunicazione  |  

Premessa

Nella comunicazione interpersonale assume grande rilevanza la cosiddetta teoria transazionale, elaborata da Eric Berne, il quale afferma che nella personalità individuale coesistono tre stati dell’Io diversi, e precisamente il bambino, il genitore e l’adulto.

Lo stato dell’Io bambino è ciò che resta in noi del bambino che siamo stati, con tutte le sedimentazioni emotive della prima infanzia e la registrazione delle relazioni sentimentali agli stimoli esterni, cioè i rapporti affettivi con le persone e con gli oggetti. Infatti, il bambino esprime la sua soddisfazione o insoddisfazione verso una persona o un oggetto, intrattenendola e memorizzandola come valore positivo o negativo. È il prodotto della vita sentita, che si può esplicitare in creatività e fantasia, ed inversamente in frustrazione e senso di colpa. Questo stato si ritrova anche nella personalità dell’individuo adulto e costituisce elemento positivo quando l’espressione dei sentimenti è il modo di manifestarsi agli altri, con la semplicità e la spontaneità del bambino. In certi momenti della relazione questi aspetti della personalità devono emergere e sono di vitale importanza nei rapporti di coppia e nella dinamica di gruppo.

La tav.1 mostra quali sono gli elementi positivi del bambino definito libero e quali quelle del bambino che ha subito frustrazioni e sensi di colpa e si è adattato alla situazione, diventando o ribelle o sottomesso o sempre in cerca di giustificazioni al proprio operato.

Nella relazione la componente BAMBINO manifesta o il desiderio di “carezze” (lodi, espressioni di stima e fiducia incondizionata) o le rifiuta (è in difficoltà di fronte ad una lode o a un complimento). Inoltre interrompe la comunicazione sul piano adulto quando si sente troppo responsabilizzato. È un emotivo anche nei gesti, nel tono di voce, nell’espressione del volto e manifesta chiaramente un forte bisogno di attenzione.

La tav.2 mostra le funzioni della componente GENITORE, cioè ciò che riproduce gli stati dell’Io dei propri genitori o di coloro che hanno esercitato un’influenza importante nella nostra vita. In esso si trova la vita insegnata in forma di norme, pregiudizi e dogmi (dimensione affettiva) e in forma di consiglio, aiuto, protezione guida e sostegno (nella dimensione affettiva).

La componente GENITORE è quella che esprime giudizi, fa divieti, formula pregiudizi, porge aiuto e sostegno. Il genitore è diverso in ciascuna persona, il suo tono è prevalentemente moralizzante, critico repressivo o preoccupato, sollecito, affettuoso a seconda dei casi e delle occasioni.

La tav.3 mostra le funzioni della componente ADULTO, orientato in modo autonomo verso l’apprezzamento obiettivo della realtà. Rappresenta la registrazione dei dati acquisiti e verificati a mezzo ricerca, sperimentazione e scelta autonoma dell’individuo. In esso si trovano gli elaborati della vita pensata, che sono i prodotti del ragionamento. Si definisce anche come stato dell’Io razionale e si esteriorizza in comportamento socializzato.

In sintesi, il genitore che è in noi guida e protegge ( è la parte morale), l’adulto, analizza, confronta, decide (è la parte intellettiva), il bambino esprime bisogni e desideri (è la parte emozionale).

È importante che le tre parti siano presenti in equilibrio e in egual misura, senza che l’una prevalga sull’altra.

Pensiamo, ad esempio, se nella personalità venisse bloccata la componente genitore: il comportamento derivante sarebbe quello del rifiuto dell’autorità e delle norme e atteggiamento di ribellione.

O se si bloccasse il bambino che è in noi, ci sarebbe rifiuto delle emozioni, della creatività, della fantasia, dando eccessiva importanza al conformismo, alle norme e alla razionalità eccessiva. Tanto più se si bloccasse la parte adulta, ci sarebbe dipendenza estrema, mancanza di capacità di analisi critica, amplificando il comportamento emotivo a danno e scapito di quello razionale.

La capacità del comunicatore consiste nel saper riconoscere gli eventuali stati dell’Io, a partire dal proprio, per facilitare lo scambio positivo delle informazioni, la veicolazione dei contenuti, l’accettazione dell’altro, evitando di farsi condizionare negativamente da quei fattori squisitamente soggettivi e che generano simpatia o antipatia, accettazione o rifiuto, cioè preparano il terreno per l’intesa o per lo scontro nello scambio transazionale.

Harris nel suo libro “Io sono OK, tu sei OK”, consiglia alcune semplici norme da tenere presenti a questo scopo:

- Imparare a conoscere il proprio bambino, le sue debolezze, le sue paure, le principali forme di espressione di questi sentimenti.

- Imparare a conoscere il proprio genitore, i suoi consigli, i suoi imperativi, le sue posizioni e le principali forme per esprimerli (assai spesso questo rappresenta il quadro di riferimento dei valori).

- Essere sensibile al Bambino degli altri, parlare a questo Bambino, carezzarlo, proteggerlo e apprezzare il suo bisogno di espressione creativa, così come il peso delle sue frustrazioni e contraddizioni.

- Contare “fino a dieci” se necessario prima di rispondere, al fine di dare all’Adulto il tempo necessario di utilizzare i dati, che arrivano al cervello per separare il Genitore i il Bambino dalla realtà.

- Astenersi, se non si è sicuri. Non si può essere criticati per quello che non si è detto.

E infine ricordarsi che per stabilire una buona comunicazione, si deve evitare di esprimere giudizi, formulare critiche ed offrire consigli, ma che è necessario gettare un ponte verso i propri interlocutori cercando di comprendere e di farsi comprendere dagli altri: questo avviene se la componente razionale dell'Adulto è in grado di controllare e integrare, in un comportamento socializzante, quanto vi è di bambino e di genitore dentro la nostra personalità.

La buona comunicazione

Nell’epoca in cui viviamo il “saper comunicare” sembra essere diventato un imperativo categorico. La nostra vita è impregnata di comunicazione; la diffusione delle nuove tecnologie dell’informazione ha caratterizzato poi, un nuovo modo di comunicare che ne promette un sempre maggiore incremento e un miglioramento, proiettandoci spesso dentro una giungla nella quale è sempre più difficile trovare la giusta rotta. La possibilità di realizzare i propri obiettivi, è ora in gran parte affidata alla capacità di interagire e comunicare appropriatamente. Tutti noi abbiamo avuto esperienza di quanto saper comunicare in modo efficace sia cruciale per raggiungere i propri obiettivi professionali.

In molti ambienti lavorativi è di fondamentale importanza sapere e saper fare ma anche saper essere.

La competenza comunicativa dunque è una risorsa preziosa per tutti. Ma come raggiungerla? Da dove partire?

IDEA DOMANI propone un percorso formativo che permetta di avviare un viaggio nel complesso mondo della comunicazione incentrato non tanto su tecniche e strategie del ‘buon comunicatore’ ma su una riscoperta dei valori e dei fattori capaci di costituire una guida per le persone interessate a migliorare il proprio modo di comunicare.

Il titolo del corso è:

FORMARE, COMUNICARE, CRESCERE

Il corso si rivolge agli operatori del non profit, a genitori, insegnanti, professionisti e a tutti coloro che desiderano comprendere meglio i meccanismi della comunicazione.

Il corso è sempre personalizzato a seconda che si rivolga ai vari destinatari e si svolge attraverso tre moduli che affrontano l’ampia tematica della comunicazione, compresa l’attenzione ai Social e al mondo digitale.

Per ogni tipo di informazione rivolgersi ai seguenti riferimenti:

ideadomani@gmail.com

Cell. 335 6404369

Cell. 347 8450995